• prova_slide2

At job!!

Sei da ore al computer a studiare, occhi fissi, schiena dolorante, collo teso?

Vorresti fare qualche esercizio ma non sai da dove iniziare e / o come fare?

Questo potrebbe essere il post che fa per te!

Stare tante ore seduti davanti ad un pc non aiuta di certo né la postura né tanto meno il respiro: il petto si chiude, la zona dorsale si ingobbisce e la testa tende a protendersi in avanti. Risultato: dolori a spalle e collo, respiro sempre più breve, postura scorretta! Se ti rivedi in queste quattro righe, puoi leggere questo piccolo articolo in cui ti proponiamo poche Asana (posizioni) che ti possano aiutare a riallineare la colonna e ad allentare le tensioni muscolari.

ROLL UP – ROLL DOWN sia da seduti che da in piedi

TADASANA da poter fare sia in piedi che seduti sulla vostra sedia d’ufficio

GOMUKHASANA da fare seduti sulla sedia, cercando di raggiungere le dite delle vostre mani, o in caso non ci arrivaste ancora cercate un supporto, un elastico, un laccetto o la vostra stessa maglietta.

MARICHYASANA

ADHO MUKHA SVANASANA

ESERCIZI DI STRETCHING PER IL COLLO

E non importa che lo spazio di studio sia angusto o piccolo: questi esercizi  possono essere eseguiti sia seduti che in piedi anche in spazi piccolissimi!   E ricorda: mantieni sempre una buona posizione anche da seduto e apri le tue spalle e sorridi!

     

Roll up – Roll down

A cosa serve?

Sebbene ricordi un tradizionale esercizio per gli addominali, il Roll Up non dev’essere eseguito in modo rapido, migliora si la forza addominale, ma lavora tantissimo sul miglioramento della flessibilità, mobilità e rinforzo della catena cinetica posteriore.

Come si esegue?

Sdraiati supini, gambe tese ed unite, piedi a martello, braccia tese all’indietro leggermente sollevate dal pavimento, con i palmi delle mani rivolti verso l’interno.

Roll Up: Inspirare e sollevare le braccia all’altezza degli occhi (90°); portando il mento al petto, sollevare il busto dal materassino e puntare le dita delle mani verso i piedi attivando gli addominali mentre lentamente stacchiamo ogni vertebra dal materassino, fino a portarci seduti sugli ischi.

Roll Down: Espirando, attivando la Power House e “risucchiando” l’ombelico verso la colonna, “srotolarsi” lentamente, e vertebra dopo vertebra portiamo la schiena verso il materassino, solo per ultimo riportiamo le braccia ben distese oltre la testa.

Varianti:

Inizialmente è meglio partire dalla posizione seduta, gambe flesse e lavorare solamente sulla discesa. È normale non riuscire subito ad eseguire l’intero esercizio codificato, ma esistono molte varianti ed esercizi propedeutici atti a rinforzare i giusti distretti. Le braccia, per esempio, anzi che parallele al pavimento possiamo portarle dietro la testa; i piedi possono essere sia in flex (martello) che in point (punta).

Più riusciremo ad acquisire mobilità della colonna e forza addominale, più facilmente riusciremo ad eseguire correttamente l’intero esercizio codificato.

L’importanza del Saluto al Sole

  Quante volte ci svegliamo già stanchi? Sapete che per migliorare la nostra giornata basterebbe veramente poco? una sfida dalla durata di 10 minuti! Stiamo parlando del Saluto al Sole che oltre a ricaricarci a livello energetico, una sana pratica quotidiana, migliora sensibilmente e concretamente lo stato d’animo e a lungo andare anche lo stato di salute.

Non credete?

PROVIAMO!

Che cos’è il Saluto al Sole •

Il Saluto al Sole (anche chiamato Surya Namaskara) è una sequenza di posizioni eseguite coordinando movimento e respiro. La parola Surya Namaskar deriva dal sanscrito: Surya = “sole” Namaskara = “saluto” Il sole è sempre stato ritenuto una fonte, di crescita, fecondità, di saggezza e di conoscenza. Le asana (posizioni) della sequenza riproducono infatti, le fasi del sole dall’alba al tramonto. La pratica quotidiana permette una ricarica perchè, il corpo riesce a captare l’energia solare e a farla propria, risvegliando e riequilibrando il prana (energia vitale) in tutto l’organismo. In sintesi, una pratica quotidiana anche solo di 10 minuti:
  1. Sciogliere, energizzare e riattivare il corpo preparandolo allo stress della giornata.
  2. Se praticato in una condizione di profonda interiorizzazione, diviene una pratica di meditazione in movimento.
  3. È inoltre ideale anche come riscaldamento prima di qualsiasi attività sportiva perché va ad attivare il 90% del sistema muscolare.
La tecnica: Esistono diversi tipi di Surya Namaskara, ogni scuola di yoga lo interpreta in base al suo stile, qui ecco spiegato i breve il Surya Namaskara A.

0. Samasthiti

È una posizione neutra, di inizio, dove il corpo è allineato centralmente in un asse verticale. Espiriamo svuotando i polmoni, pronti ad iniziare la sequenza di posizioni. Chakra: Anahata (Chakra del cuore) Benefici: Stabilisce uno stato di concentrazione e di calma in preparazione alla pratica.

 

1. Urdvha Hastasana

Respiro: Inspiriamo e portiamo le braccia verso il cielo con le mani giunte, allungando bene la colonna vertebrale e cercando di non contrarre il collo. Chakra: Vishuddi (Chakra della gola) Benefici: Allungamento degli organi nella zona addominale, migliora la digestione. Tonifica i muscoli delle braccia e delle spalle.

 

2. Uttanasana

Respiro: Espiriamo e flettiamo il busto in avanti, mani a terra e gambe dritte o leggermente flesse (nel caso in cui non riuscissimo a toccare il suolo) Chakra: Swadhisthana (Chakra sacrale) Benefici: Utile per eliminare e prevenire disturbi dello stomaco o dell’addome. Migliora la circolazione e tonifica i nervi spinali.  

 

3. Ardha Uttanasana

Respiro: Inspirando portiamo lo sguardo in avanti con la schiena dritta, parallela al suolo. Chakra: Ajna (Chakra del terzo occhio) Benefici: Calma la mente e rilassa il corpo.  

 

4. Chaturanga Dandasana

Questa asana è anche chiamata posizione del bastone poiché tutti i muscoli sono contratti in modo tale che il corpo sia dritto e parallelo con il terreno.È fondamentale in questa posizione mantenere il bacino in asse con il tronco e contrarre saldamente l’addome È possibile entrare nella posizione in 2 modi: Con un passo all’indietro, un piede alla volta; con un jump back. Respiro: Espiriamo e pieghiamo i gomiti cercando di mantenerli chiusi vicino al tronco e portiamo il petto verso la terra senza toccare il tappetino. Chakra: Manipura (Chakra del plesso solare o dell’ombelico) Benefici: Rinforza i muscoli delle gambe e delle braccia e la zona addominale.  

 

5. Urdvha Mukha Svanasana

Respiro: Ispiriamo e distediamo le braccia e solleviamo il busto, le mani devono essere posizionate in linea con le spalle, apriamo il petto e portiamo la testa leggermente all’indietro rivolgendo lo sguardo verso l’alto, le gambe rimarranno parallele al pavimento. Chakra: Anahata (Chakra del cuore) e Vishuddhi (Chakra della gola) Benefici: Allungamento dei muscoli della zona toracica e addominale, flessibilità della spina dorsale, rinforza i muscoli delle braccia.  

 

6. Adho Mukha Svanasana

Respiro: Espiriamo e solleviamo le ginocchia portando il bacino verso l’alto e allunghiamo i talloni verso terra. È fondamentale in questa posizione che la spina dorsale sia ben allungata, quindi è necessario premere bene i palmi a terra così che le braccia siano ben dritte e le spalle lontane dalle orecchie. Le gambe a loro volta possono essere, a seconda della struttura fisica, dritte con i talloni che toccano a terra o leggermente flesse. Mantenere la posizione per cinque respiri. Chakra: Vishuddi (Chakra della gola) Benefici: Rinforza nervi e muscoli di gambe e braccia. Flessibilità della colonna vertebrale.  

 

7. Ardha Uttanasana

Respiro:Inspiriamo e torniamo in Ardha Uttanasana, è possibile entrare in questa posizione in due modi: Con un passo all’indietro, un piede alla volta; con un jump back. espirando guardiamo le ginocchia, espirando sguardo avanti e schiena parallela al suolo? Chakra: Ajna (Chakra del terzo occhio) Benefici: Calma la mente e rilassa il corpo.  

 

8. Uttanasana

Respiro:Espiriamo e avviciniamo la testa alle gambe, che possono essere dritte o leggermente flesse con le mani che toccano a terra. Chakra: Swadhisthana (Chakra sacrale) Benefici: Utile per eliminare e prevenire disturbi dello stomaco o dell’addome. Migliora la circolazione e tonifica i nervi spinali  

 

9. Urdvha Hastasana

Respiro: Inspiriamo e solleviamo le braccia verso il cielo con le mani giunte, inarcando leggermente la schiena. Chakra: Vishuddi (Chakra della gola) Benefici: Allungamento degli organi nella zona addominale, migliorando la digestione. Tonifica i muscoli delle braccia e delle spalle.  

 

10. Samasthiti

Respiro: Espiriamo e torniamo nella posizione neutra di Samasthiti. Chakra: Anahata (Chakra del cuore) Benefici: Stabilisce uno stato di concentrazione e di calma in preparazione alla pratica.  

 

Consigli:

Non avere fretta: non pretendere di eseguire tutta la serie alla perfezione da subito. Per prima cosa prenditi il tempo per migliorare ogni singola asana, poi il loro ordine e le transizioni dall’una all’altra. Solo in seguito associa la respirazione corretta per ogni movimento.

E’ normale essere rigidi: questa sequenza consiste in una vasta gamma di movimenti e allungamenti di diverse fasce muscolari. Non allarmarti o sforzarti troppo quindi se all’inizio non riesci ad eseguire ogni movimento in profondità, ma goditi l’allungamento fino a dove riesci ad arrivare. All’inizio mantieni ogni posizione per 3-5 secondi e se necessario fletti i muscoli se li senti troppo stirati. Continua a eseguire il Saluto al sole e vedrai che con l’esercizio costante i tuoi muscoli e le articolazioni diventeranno progressivamente più flessibili e ti permetteranno di eseguire con maggior armonia, come in una danza, le transizioni da una posizione all’altra.

SEMINARIO PILATES E MAL DI SCHIENA SABATO 7 LUGLIO 2018 – SEDE CSO. TASSONI

con VALENTINA MAKSIMOVA

 Dalle ore 11 alle ore 12:30 su prenotazione

Non esistono parole più chiare del linguaggio del corpo, una volta che si è imparato a leggerlo.

(Alexander Lowen)

Uno dei mali più frequenti che affigge l’uomo moderno è sicuramente il mal di schiena. La sedentarietà con le sue cattive posture , la fretta, la pigrizia e le cicatrici fisiche ed emotive, predispone il corpo ad innumerevoli disaggi e la schiena -il supporto principale del corpo- è la prima a subire le conseguenze. Questo seminario insegna una serie di esercizi mirati alla mobilitazione del rachide e all’allungamento distensione dei muscoli anti-gravitari. Verranno applicati esercizi e tecniche del metodo Pilates, i quali vi aiuteranno a sciogliere le tensioni nella schiena, dando un benessere immediato.

I principi su cui si fonda il Postural Pilates Method, quali l’apprendimento della consapevolezza dell’allineamento neutro della colonna vertebrale e il rafforzamento dei muscoli posturali profondi che supportano questo allineamento, sono basilari per chi soffre di mal di schiena.

Programma del seminario

  • Esercizi per i piedi;

  • Mobilizzazione lombo-sacrale;

  • Tonificazione addominale;

  • Mobilizzazione toracica e funzionalità scapola-omerale;

  • Auto-allungamento rachideo;

  • Release miofasciale con foam roller;

  • Rilassamento finale.

Impara ad ascoltare i segnali del corpo!

Parliamo spesso del nostro corpo, ci siamo a contatto ogni giorno, ogni ora, ogni minuto della nostra vita, ma quando lo ascoltiamo? Il corpo traduce in azione ciò che noi facciamo, allo stesso momento traduce come stiamo. Il nostro corpo ci parla ogni momento.

Hai mai fatto caso a come percepisci il tuo corpo quando sei contento? Quando stai facendo qualcosa che ti piace? Oppure, quando sei teso, quando sei agitato, quando sei arrabbiato?

Spesso il fare della nostra quotidianità, le molte cose da tenere presenti, il controllo che ci serve durante la giornata, ci può portare ad abbassare il volume della voce del nostro corpo, che ci parla in ogni istante della nostra vita.

 

Ecco perché è importante riscoprire il contatto con il nostro corpo, il contatto con noi stessi attraverso il nostro corpo. Comprendere che cosa vuole dirci il nostro mal di schiena, testa, o quel fastidio allo stomaco che ci rovina la giornata è molto importante per capire su che strada stiamo caminando. Il nostro corpo ci comunica, attraverso le sensazioni se stiamo facendo qualcosa per il nostro benessere, oppure se dal nostro benessere ci stiamo allontanando.

Quando il nostro corpo si fa “i capricci” e si rifiuta di collaborare in realtà ci vuole solo inviare dei messaggi.Capire al volo non è facile, ma è possibile se lo ascoltiamo e ci alleniamo a migliorare ogni giorno il dialogo con lui per poi stabilire il rapporto più profondo con noi stessi, a comprendere la direzione che stiamo seguendo, e riconoscere con più naturalezza il nostro benessere.

Ecco una cosa saggia da fare quando ti capita di sentire i disaggi corporei. La domanda: Questo male a cosa mi è servito?

Iniziare con una riflessione di questo tipo stimola un ascolto diverso e un contatto diverso con noi stessi, riconoscendo che anche un sintomo fastidioso in realtà è solo un amico che ci invita ad essere più tolleranti con noi stessi.

Importante:

Per partecipare è necessaria la prenotazione poichè l’incontro è a numero chiuso.

Per info e prenotazioni: tel 011.0686662 – 349.2364870

Orario segreteria: dal lun al ven dalle 16.00 alle 20.00

Controlla le date dei prossimi Seminari su:

www.yogapilates.it

Studio Yoga Pilates © – Pilates PPM ©

IL CASO DI OGGI: LESIONE DEL CROCIATO E ROTTURA DEL MENISCO

Nicola è un  ex atleta di 40 anni che è arrivato in studio nel Giugno del 2017 dopo un lungo periodo di riabilitazione al ginocchio sx  a seguito alla lesione del legamento del crociato anteriore e alla rottura del menisco e del collaterale sx nel 2016. Lamentava dolore intermittente  nella zona lombosacrale e costante tensione nella zona cervicale e scapolare.

In qualità di ex atleta , Nicola ha un’ottima conoscenza del suo corpo e mantiene un’ottima concentrazione durante l’esecuzione degli esercizi e questo ci permette di fare un lavoro molto profondo sulla ricerca costante dell’attivazione della muscolatura profonda.

 

Per quanto riguarda il programma da studio ci stiamo concentrando sul rinforzo dei vari gruppi muscolari attorno all’articolazione del ginocchio  per stabilizzarla, proteggerla e migliorarne la meccanica  dedicando particolare attenzione alla parte sx con la costante ricerca del corretto allineamento nell’esecuzione degli esercizi per rinforzare i muscoli profondi posturali che sono maggiormente coinvolti nell’articolazione del ginocchio .  Abbiamo inserito nel programma esercizi mirati alla rieducazione propriocettiva che consiste in esercizi e mantenimento di posizioni in condizioni di equilibrio instabile per  migliorare  il controllo posturale.

Le ginocchia sono un punto nodale del corpo umano e come tutte le articolazioni necessitano  di un lavoro mirato di rinforzo e protezione .

Dedichiamo vari esercizi al rinforzo della power house e dei muscoli dorsali per correggere la postura leggermente cifotica dovuta ad un rilassamento della muscolatura profonda e lavoriamo sul miglioramento della mobilità  del bacino per ridurre ed eliminare  il dolore nella zona lombo sacrale

Lavoriamo anche sulla stabilizzazione del cingolo scapolare per correggere l’atteggiamento cifotico e  recuperare il giusto allineamento del box superiore.

Ad oggi Nicola dichiara di essere più consapevole del suo corpo, di riuscire maggiormente a concentrarsi su l’attivazione della muscolatura corretta e di  sentire il suo ginocchio più stabile, reattivo e presente.

SEMINARIO ANTI AGE – Sabato 8 Aprile 2017

foto

Sabato 8 Aprile 2017

orario 11,00-12,30

Presso lo Studio PPM di Via Guarini 4

L’invecchiamento non è di per sé un nemico da contrastare, è un naturale e inarrestabile processo biologico e fisiologico. Ma se è vero che non possiamo arrestare la natura, possiamo almeno agire su come il tempo modifica il nostro corpo!

Se il tuo obiettivo è ritardare i segni del tempo, puoi farlo con il Pilates Anti-Age che dona flessibilità,mobilità e migliora la tua postura!

Questo seminario propone un allenamento adeguato per contrastare i segni del tempo e aumentare la tonicità di tutto il corpo e, soprattutto in modo specifico, delle zone più soggette al cedimento muscolare.

Verranno anche svolti degli esercizi di ginnastica facciale che consiste in un allenamento della muscolatura mimica e funzionale del viso, in grado di riequilibrare la muscolatura con ?nalità che possono essere educative, rieducative o anche estetiche.

Quota associativa: 25€ SOCI ° 30€ NON SOCI ° 35€ TEACHER

Per partecipare al Seminario è necessaria la prenotazione poichè l’incontro è a numero chiuso.

Per info e prenotazioni:

tel 0110686662 – 0115364466- 01119705609

Orario segreteria: dal lun al ven dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 16.00 alle 20.00

L’Outfit del perfetto allievo YogaPilates!

outifit-pilates

Utilizzare un outfit corretto può sembrare scontato ma in realtà svolge una funzione molto importante! In primo luogo è consigliato un abbigliamento in tessuto naturale, comodo ma non troppo largo per permettere all’insegnante di controllare i movimenti corretti e gli allineamenti posturali.

Le lezioni di Yoga e Pilates si svolgono prevalentemente a piedi nudi o con l’ausilio di calzine tecniche antiscivolo che permettono l’appoggio sui tre punti del piede (importante principio posturale) in modo da mantenere stabile e più sicura la posizione sul tappetino e sui grandi macchinari.
img_4130 fullsizerender  

  Nelle lezioni di Pilates/Yoga non è consigliato utilizzare collane lunghe, cinture, bracciali non solo per una fonte di distrazione ma soprattutto per una maggiore sicurezza sul lavoro attrezzi e matwork. Stesso discorso può valere per la capigliatura, sarebbe ottimale legarli con un elastico. I capelli non devono coprire il volto, e non devono essere sciolti soprattutto se sono lunghi. Per quanto riguarda l’abbigliamento, in commercio esistono moltissime varianti di Leggings e/o abbigliamento basico o a fantasia moda; può essere divertente esplorare varie possibilità di stile per differenti lezioni, di Yoga e Pilates!   Non dobbiamo dimenticarci però la qualità del materiale scelto: è importante utilizzare fibre di cotone naturale ed ecofriendly perchè oltre a far traspirare la pelle durante l’attività non rilasciano sostanza tossiche per l’epidermide e per l’ambiente.

Lo studio Yoga Pilates e i nostri insegnanti sono molto attenti al rispetto dell’ambiente prestando particolare cura del proprio aspetto durante le loro lezioni in studio! Nei nostri centri abbiamo dedicato uno spazio-boutique legato all’abbigliamento e al materiale utilizzato come calzini antiscivolo, manuali o prodotti di cura e benessere della persona, ed è possibile provare ed acquistare i nostri prodotti rivolti esclusivamente ai nostri soci!

  Per qualsiasi informazione sui costi puoi rivolgerti in Segreteria!

WORKOUT PILATES MATWORK STRONG °l’utilizzo Tradizionale del Magic Circle°

daniela carignano ring

Sabato 26 Marzo 2016

h. 11,00 – 12,30

Presso lo Studio Yoga Pilates di corso Orbassano 191/1

Il seminario volgerà lo “sguardo” all’idea originaria e originale dell’utilizzo dell’unico vero piccolo attrezzo o “prop” ideato da J.H.Pilates. Gli esercizi proposti svilupperanno l’allineamento e stabilizzazione dei distretti articolari stimolando la forza equilibrata delle catene muscolari di tutto il corpo.

CONDUCE DANIELA CARIGNANO MASTER TEACHER PPM®

Quota sociale di partecipazione: 20€ soci iscritti, 25 € esterni, teacher 35€

Importante: Per partecipare è necessaria la prenotazione poichè l’incontro è a numero chiuso. Per info e prenotazioni: tel 0110686662 – 0115364466 Orario segreteria: dal lun al ven dalle 16.00 alle 20.00

Lo Stress e i Bambini

16080-stress-infantile-anche-i-bambini-sono-stressati   Si parla sempre più spesso di stress infantile. Nessuno studio è stato mai effettuato in materia, si è, però, osservato che i bambini soffrono sempre più spesso di fastidi riconducibili a una condizione simile a quella che per gli adulti viene definita stress.

Per esempio, sempre più spesso, in età infantile ci si rivolge al pediatra per episodi frequenti di mal di testa, apparentemente inspiegabili. Altri segnali fisici di stress infantile possono essere mal di pancia ingiustificati, disturbi del sonno e tic; talvolta, nei casi più eclatanti, persino episodi di balbuzie e crisi d’asma o di vomito. I bambini sono la spugna e lo specchio della vita degli adulti, quindi sono fortemente condizionanti, in positivo e in negativo, le abitudini igieniche di vita, sonno, alimentazione e ritmo di vita.
In generale gli stimoli sensoriali a cui bambini sono sottoposti sono eccessivi. Questo surplus di percezioni, a cui sono molto sensibili può essere scaricato anche attraverso un’irrequietezza motoria, via di fuga da stimoli che non possono essere gestiti. In questi casi, un grande potenziale vitale, anziché essere diretto verso la crescita, viene disperso attraverso un insensato movimento.
Per evitare che un segnale di squilibrio confluisca in una patologia, il tema dell’alimentazione senza dubbio il primo posto. corretta-alimentazione-bambini-crescere-bio-evento-milano-alce-nero-2
Un altro aspetto fondamentale il sonno: la necessità di riposo in genere non è mai soddisfatta abbastanza. Con questo si intende anche riposo dai media: in primis va limitato l’uso di tablet, computer, televisione. Solo dopo aver integrato nella quotidianità queste corrette abitudini si possono inserire eventualmente altri rimedi: la narrazione di fiabe e la pratica del giocare con materiali naturali e poco definiti, per lasciare spazio alla fantasia infantile.

La pittura ad acquerello, in particolare, è consigliata già da i tre anni, utilizzando il foglio bagnato, che consente di stendere il colore con maggiore semplicità, e i fogli di carta smussati agli angoli, che offrono un effetto più morbido.
bambini--pennelli--la-pittura--la-persona_3268378

Evento Mindfulness – Meditazione (8 – 15 – 22 – 29 Ottobre 2015)

image1

Presso lo Studio Yoga Pilates di corso Tassoni 25 sarà possibile seguire un percorso di Mindfulness/Meditazione per 4 giovedì consecutivi 8-15-22-29 ottobre 2015 dalle ore 20.00 alle ore 21.15.

Il percorso sarà tenuto dalla nostra insegnante di yoga e psicoterapeuta Simona e tratterà le principali tecniche di meditazione e presa di consapevolezza dei propri pensieri e azioni.

Il costo complessivo del percorso è di 120 euro a persona.

Le iscrizioni sono a numero chiuso previa prenotazione.

Cose è Mindfulness:

La mindfulness, ossia la condizione di piena consapevolezza, è una condizione della mente che può essere raggiunta mediante l’uso di alcune tecniche di supporto. Il metodo introdotto negli Usa dal medico chirurgo Jon Kabat-Zinn, ha origini antichissime in quanto risale alla meditazione Vipassana, che Buddha trasferì durante gli anni del suo ministero, ai suoi discepoli come strumento per distruggere la sofferenza esistenziale.

Oggi, dopo oltre 2500 anni, la scienza testimonia del grande impatto trasformante della meditazione attraverso migliaia di ricerche cliniche. Il metodo MBSR (mindfulness based stress reduction) si è dimostrato efficace nel trattamento di numerosi disturbi psicologici come depressione, ansia, panico, somatizzazioni e disturbi della sfera alimentare ecc.. Durante gli incontri verranno forniti i principi chiave per inserire e praticare la mindfulness in maniera sistematica nella quotidianità e anche per promuovere uno stile di vita olistico e salutare.

Importante: Per partecipare al Seminario è necessaria la prenotazione e il pagamento anticipato, poichè il seminario è a numero chiuso Per info e prenotazioni: tel 0110686662 – 0115364466 Orario segreteria: dal lun al ven dalle 16.00 alle 20.00  
PPM

STUDIO PPM TORINO

Corso Tassoni 25, TORINO
Corso Orbassano 191/1, TORINO
Via Guarini 4, TORINO

Tel e Cell

011.068.66.62 – 349.236.48.70
011.536.44.66 – 324.772.68.13
011.19705609 - 3711812414

Mail

info@yogapilates.it